climatizzazione in ufficio…non litighiamo

 

 

Brrr Estate di ghiaccio…..

salute Bado

La tecnologia moderna ha portato grandi migliorie alla vita quotidiana,è evidente che spesso però alcuni strumenti dell’era moderna non vengono utilizzati correttamente.
 
Oggi parliamo del condizionamento; spesso e volentieri il climatizzatore è motivo di litigio in ufficio.
Il corpo umano è una macchina meravigliosa, ma come possono certificare i migliori medici,per quanto biologicamente uguali gli esseri umani hanno reazioni assolutamente soggettive,Ecco perchè ognuno di noi ha una reazione diversa al clima esterno.
 
Quante volte l’uso o l’abuso di aria condizionata ha creato discordie nell’ambiente di lavoro?
 
Vi è mai capitato?
 
Allora, ci sono gli amanti del refrigerio che abusano del condizionatore, quei soggetti che con 40° di temperatura ambientale vorrebbero scivolare da un ufficio all’altro con la slitta di babbo Natale.Un’altra categoria sono gli ipocondriaci che temono per la loro salute, mentre stanno sudando con il climatizzatore acceso…
 
Gli estremisti del clima da una parte o dall’altra, quando si incontrano fanno scintille,ciò ha una notevole influenza nella vita lavorativa dell’ufficio e quindi dell’azienda.
Ma esiste un modo corretto per l’utilizzo del condizionamento dell’aria?L’uso scorretto del clima può causare problemi di salute?
 
La risposta ad entrambe le domande è si.
 
Le patologie che possono scaturire sono problemi respiratori, raffreddori, mal di gola, tosse,problemi lombari dovuti a colpi di freddo, allergie.
 
Esistono piccolissimi accorgimenti che se seguiti e rispettati ci faranno stare bene e miglioreranno la vita nel nostro ambiente di lavoro, perchè se è vero che può far male è vero pure il contrario, l’aria condizionata può preservarci da colpi di calore e dal disagio estivo, sudorazione eccessiva e quant’altro.(le camice con gli aloni sotto le braccia non sono un piacevole biglietto da vista per trattare coi clienti)
 
Allora partiamo da un dato di fatto:
per il nostro corpo la temperatura ideale è 24°/25°l’umidità è un fattore importantissimo e deve essere al 65%
detto questo l’escursione termica tra esterno ed interno dell’ufficio non deve essere superiore a 5°
L’ideale sarebbe tenere un termometro che ci indichi la temperatura esterna,in modo da non esagerare col refrigerio.
  
La pulizia dei filtri del climatizzatore va fatta regolarmente, perchè con un prolungato utilizzo, i filtri si riempiono di acari, germi, e particelle che poi vengono espulse e messe in circolo nell’ambiente, i soggetti allergici ringrazieranno.
Ultimo accorgimento da non sottovalutare, è la distanza dal bocchettone,l’aria quando esce è molto più fredda della temperatura desiderata, bisogna considerare, che l’aria fresca si deve mescolare a quella dell’ambiente ed abbassare la temperatura di tutta la stanza, per questo sistemarsi sotto al bocchettone d’uscita non è proprio una saggia idea, anzi meglio orientare le alette di regolazione in modo da non aver contatto diretto con l’aria.
 
C’e’ poi chi si dedica al fai da te…

 
 

 

 

 

 


 

Questo articolo é stato pubblicato in Blog, Consigli, intrattenimento, Notizie, Salute e taggato , , , , , , , , . Aggiungilo ai preferiti permalink.

Lascia un commento con facebook

Lascia un commento dal sito

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>